Lo Conte Lab

Canditura della frutta: una tradizione antica

13 ottobre 2015

Una tradizione antichissima quella di candire la frutta, ovvero conservarla attraverso un procedimento che, per osmosi, riduce la quantità di acqua presente nel frutto e aumenta la quantità di zucchero a più del 70%.

La parola candito deriva dall’arabo “qandat”, zucchero, riprendendo il dolce sapore della frutta così conservata.

Il fatto che i canditi siano entrati a far parte della nostra tradizione pasticciera è testimoniato dall’elevato numero di dolci e piatti preparati in Italia che vengono preparati con essi, soprattutto nella tradizione siciliana.

Uno dei dolci più conosciuti in cui la frutta candita fa da regina è la cassata, dolce tipico siciliano amato in tutto il mondo. Pochi sapranno che anche il termine “cassata” deriva dall’arabo qas’at, ulteriore testimonianza di come la nostra tradizione pasticciera sia stata influenzata negli anni da altre culture come quella araba. Anche sui famosi “minni ri virgini” domina la ciliegia candita. La storia di questo dolce è legata a Sant’Agata, protettrice di Catania, festeggiata il 5 febbraio. Si racconta che, durante il suo martirio le furono tagliati i seni per costringerla ad abiurare la sua fede, che per miracolo ricrebbero.

Se ti affidi al mondo Decorì puoi scegliere tra ciliegie rosse denocciolate, cubetti di macedonia, polpa di cedro, scorze di arancia. Frutta accuratamente selezionata con cui arricchire le tue creazioni, insaporire le creme con cui farcire i cannoli, guarnire le tue torte.

Un’ idea creativa? Puoi divertirti a preparare un dessert alternativo, il Fruit Sushi, dei cilindri di riso cotto nel latte arrotolati in una coloratissima caramella gommosa alla frutta o granella di mandorle e impreziosita dalla macedonia candita.

Trovi qui la ricetta.

Acquista i canditi Decorì dal nostro shop.



Inserisci un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Decorì LeFarineMagiche MolinoVigevano
LoConte_a